Ricerca articoli

Domenica, 13 Febbraio 2011 15:01

“SHINE A LIGHT” _i Rolling Stones visti da Martin Scorsese_2008

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Recensione DVD di Danny B.

Metti insieme uno dei più importanti registi del 900 con una delle più longeve e fondamentali band del rock’n’roll di sempre e cosa viene fuori? SHINE A LIGHT, un film che documenta un doppio concerto dei Rolling Stones al Beacon Theatre di New York durante il tour “a bigger bang” del 2006. Scorsese fino a pochi minuti prima del concerto non ha la scaletta della performance e Mick Jagger da bravo diavoletto si diverte a tenere sulle spine il regista attardandosi a consegnarla. Ma poi lo show inizia e tutto va per il meglio. Keith e Ronnie, che in due sono meglio di dieci chitarristi, sono in forma smagliante. Charlie Watts alla batteria impassibile e granitico come sempre e le super sexy labbra del rock Mick in perenne movimento, come indemoniato per tutto il concerto. Più che un concerto è un viaggio nella storia del rock attraverso le loro canzoni più famose: Jumping Jack flash, Sympathy for the devil, Start me up, Brown sugar, Satisfaction e tante altre. Molti sono gli ospiti durante la serata: da Bill Clinton e family che assistono al soundcheck della band a Jack dei White Stripes, che si unisce a Mick e soci durante l’esecuzione di “loving Cup”(canzone del 1972 presente nell’album exile on main st.). al loro amato idolo di sempre Buddy Guy che li accompagna nella cover di Muddy Waters “Champagne and reefer” e al quale Keith Richard da vecchio fan del bluesman regala la sua chitarra alla fine della canzone. L’unico ospite forse un po’ fuori posto è Christina Aguilera che accompagna la band nella canzone “Live with me” dal loro classico album Let it bleed del 1969.

Gli Stones regalano al pubblico per questa occasione una serie di rare esecuzioni di canzoni come:”As tears goes by”, scritta originariamente da Jagger e Richards ma poi ceduta a Marianne Faithfull per uno dei suoi primi singoli che, dopo il successo commerciale, fu ripresa dagli stessi Stones e ri-registrata ottenendo lo stesso successo. Particolarità di questa canzone è che non è mai stata eseguita dal vivo dal gruppo prima di questo tour; altra particolarità, l’esecuzione solista e vocale senza chitarra delle canzoni “You got the silver” e “Connection” da parte di Keith Richards, mentre Mick si va a riposare dietro le quinte.

Vedendo questo concerto ci si rende conto del perché gli Stones siano ancora presenti nel panorama musicale, del successo che ancora oggi ottengono, soprattutto per merito della loro potenza e intensità sonica dal vivo e per la creatività che li contraddistingue anche su album. Rappresentano un esempio per tutte le nuove leve di musicisti che si accingono a entrare in questo stupendo e turbolento mondo che è la musica.

 

Letto 1264 volte Ultima modifica il Mercoledì, 13 Febbraio 2013 22:40