Stampa questa pagina
Venerdì, 31 Agosto 2012 18:30

Mare profumo di mare parte IV ed ultima

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Giovedì mattina, all'una di notte ho finito di preparare l'impasto per la pizza, le torte sono pronte, la borsa termica riempita e pronta, manca solo che arrivi Sabrina a prendermi.

Che cara è Sabrina, si è offerta di venire a prendermi a casa anziché farmi salire alla locanda, è bello conoscere persone come lei, che, oltre tutto è come me un'amante del mare.

Pronti via, si parte. Il viaggio è tranquillissimo, entrambe utilizziamo i punti di riferimento per ritrovare la strada, speriamo che non ci abbiano spostato i gerani dai balconi, altrimenti rischiamo di arrivare sull'himalaya.

Nessun intoppo, arriviamo al paese, anche se ho qualche dubbio che Pianca si possa definire paese, è giusto una chiesa con intorno un abbeveratoio e qualche casa, chiedo perdono ai residenti, ma non capirò mai come si possa fare ad andare ad abitare in un posto così …. montagnoso.

Ad aspettarci ci sono quasi tutti, caspita, quasi non li riconosco, rilassati, allegri, tranquilli, vuoi dire che davvero la montagna e le camminate facciano bene? Un nuovo mistero su cui meditare.

Sabrina e qualche ragazzo fanno il giro del paese, Dario porta giù il potente mezzo messoci a disposizione dalle Vele, Michele ed io scendiamo a piedi.

È piacevole camminare e chiacchierare con lui, mi racconta un po' di aneddoti dei due giorni trascorsi, o meglio del giorno e delle due notti, pare che russatori professionisti e campanacci delle mucche abbiano funestato un po' le notti.

Il mercoledì invece è stato felicemente dedicato ad un'escursione con pic nic, ma questo vi verrà raccontato da altri.

Ecco la baita, mi fiondo in cucina a studiare il forno, c'è in gioco la mia reputazione di cuoco, acci, avrei voglia di un buon caffè, ma sono troppo pigra per prepararlo.

Tutto è pronto, la tavola preparata, ecco che spuntano salame e mortadella, una caciottella della val Seriana (eh si, ho sbagliato clamorosamente la valle, siamo al bivio tra la val brembana e la val taleggio e io porto una caciotta della val seriana.... che gaffe), poi le pizze, poi si sale per il caffè e il dolcetto. Domenica sarà il compleanno di Matteo e gli stoniamo un tanti auguri a te che fa bloccare persino i campanacci delle mucche.

Vorremmo partire verso le 16, per cui approfittiamo per fare un ringraziamento speciale ai nostri due amici del CAI, Carlo e Michele, che ricevono un diploma di amici del Germoglio e ne diventano soci onorari. Forse leggo un po' di emozione sui loro visi, ma una domanda mi vuole uscire dalla gola da troppo tempo …. “se noi del germoglio siamo i germoglini... voi del CAI siete forse “caini?” risata generale, ma non mi viene data risposta … voi che ne dite? Voglio dare un'occhiata alle fotografie che sono state scattate con la macchina del Germoglio, ops Ernesto ha fatto il filo alle uniche femmine non della comitiva presenti nei dintorni … ci sono dei bellissimi primi piani, sono veramente belle, magari un po' vacche … Ma che avete capito? Parlo proprio delle nostre care vacche con i campanacci, però attento Ernesto, mi si dice che quello nero è un toro, non vorrei fosse geloso! Dai, adesso la baita è pulita e splendente, gli zaini sulle spalle, le macchine caricate all'inverosimile. Per evitare di farle bloccare sulla salita non asfaltata si sale a piedi, tanto sono abituata, ormai non mi ferma più nessuno. Magari proprio proprio non è così, arrivata a metà vado in dispnea completa, nel frattempo l'arcangelo Michele (senza ali, boh) e l'angelo Carlo mi controllano da vicino, cercano di distrarmi, ma ormai è tardi. Prima di metà sentiero comincio ad avere le visioni, vedo il mare blu, le onde che vanno e vengono, i delfini, che strano, hanno dei campanacci al collo …. ed ecco che si erge davanti a me il nostromo della pubblicità che mi fa sedere su una nave piccola … o su una macchina meno piccola …. Che tragediografa sono, in fondo erano solo piccole visioni da poco movimento e troppa ciccia. A parte questo piccolo particolare il ritorno è tranquillo e veloce, finalmente a casa, la bella avventura montana è terminata, davvero bella ma …. credo proprio che non si ripeterà per molto e molto tempo.
Letto 1087 volte Ultima modifica il Giovedì, 14 Febbraio 2013 18:31
Administrator

Ultimi da Administrator