Stampa questa pagina
Mercoledì, 07 Aprile 2010 12:59

KASABIAN dal vivo @ ALCATRAZ_MILANO

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Recensione concerto Danny B.                                   Canale ufficiale su youtube

I Kasabian sono, secondo me, uno dei migliori gruppi inglesi emergenti nel nuovo millennio; la loro musica mi è stata vicina in molti momenti degli ultimi cinque anni della  mia vita, potete quindi immaginare quanto sia stata grande la mia voglia  di vederli dal vivo. A volte le aspettative deludono o non sono all’altezza, ma questa volta direi proprio di no.

Entro all’Alcatraz molto in anticipo e il locale è già quasi gremito, i biglietti sento dire sono esauriti da tempo, l’elettricità nell’aria è intensa. Noto che il pubblico totally indie rock è composto da fans di lunga data (il cosiddetto zoccolo duro) e non da modaioli dell’ultimo trend musicale inglese; ciò mi rallegra molto e  sento quel tipo di atmosfera che si respirava al Camden Palace di Londra nei primi anni novanta alle serate del martedì sera, periodi incredibili! Stasera sto per fare un salto indietro in quel mitico periodo. Sono sensazioni che credevo perdute, non più sperimentabili con nuove situazioni musicali; invece, ultimamente  le sto provando sempre più spesso, andando a certi tipi di concerti (soprattutto questo) o ascoltando nuove realtà musicali. Non mi pare si tratti di revivalismo,  ma di veder crescere, dai semi piantati dalle band di quegli anni (Primal scream, Charlatans, Happy mondays, Ride, My bloody valentine e innumerevoli altre), originali esperienze che proseguono quel percorso artistico attualizzandolo e  arricchendolo. Si spengono le luci, l’adrenalina sale alle stelle, il pubblico in delirio da rave party (che sarà  costante dalla prima all’ultima canzone); è da tempo che non vedo un evento di tale  feeling e intensità da parte di band e pubblico. Entra prima  il gruppo con il nostro “orgoglio”  anglo-italiano, Sergione Pizzorno, autore di testi e musica,  per ultimo sale sul palco il front”fantastic”man Tom Meighan. Sin dalle prime note si percepisce subito che i Kasabian fanno maledettamente sul serio: sono qui per lasciare il segno. Aprono il live con “Mothman” per poi suonare due singoli dell’ultimo bellissimo disco West Ryder Pauper Lunatic Asylum:  “ underdog” e” where did all the love go” , poi è la volta di ” swarfiga”, passano da un singolo all’altro, intrammezzati da brani da album:”Shoot the runner- I.D.- Processed Beats- Thick as thieves- Take Aim-  Stuntman- Empire- Fast Fuse- Doberman- fino ad arrivare a” Club Foot” uno dei loro pezzi che più incitano all’insurrezione, ovviamente tra i miei preferiti. Infuocano il palco nel finale con ” Fire” - “Vlad the Impaler” e chiudono con il singolo che li ha resi famosi “L.S.F.” . Anche se stanchissimo, il pubblico sarebbe andato avanti per ore, pur avendo  dato tutto il possibile: cuore, urla e sudore. Che dire di più. Un concerto memorabile. A presto in Italia Ragazzi! Canale ufficiale su youtube      
Letto 1348 volte Ultima modifica il Mercoledì, 13 Febbraio 2013 22:40
Administrator

Ultimi da Administrator